Giocare all'aria aperta, anche d'inverno. Lo dice il programma “Nature Prescription"

bambini all'aperto

Il sistema sanitario scozzese ha attivato il programma “Nature Prescription”: i medici che vi aderiscono prescriveranno ad alcuni loro pazienti (principalmente quelli affetti da malattie croniche come ansia, depressione, diabete e ipertensione) delle “dosi” di natura come parte integrante della loro cura.

Il programma “Nature Prescription” in pratica definisce un approccio terapeutico non farmacologico e riconosce ufficialmente i benefici che derivano dallo stare all’aria aperta.

E’ quanto da anni sostengono e praticano pedagogisti, maestri e educatori che si occupano di outdoor education: i bambini che giocano tutti i giorni all'aria aperta hanno uno sviluppo fisico e cognitivo più equilibrato e si ammalano di meno. Tutti i giorni, significa però...tutti i giorni. Non fanno eccezione le giornate fredde o quelle di pioggia.

Una delle idee di fondo dell’educazione all’aria aperta è che in ogni stagione e con ogni condizione meteo si possa trascorrere del tempo fuori, basta indossare il giusto abbigliamento. Lo stare in natura diventa uno stile di vita, un approccio mentale che riguarda tutta la famiglia: pioggia, freddo, neve, caldo intenso, vento...sono opportunità di gioco, benessere e scoperta, piuttosto che limiti.

Ma nemmeno ricerche mediche e studi universitari riescono a tranquillizzarci del tutto! Negli incontri di presentazione delle nostre attività alla Yurta nel Bosco emerge sempre la convinzione di fondo che d’inverno sia più sano e corretto stare al chiuso, perché “Il freddo fa ammalare”. E allora chiariamo, con l’aiuto di questo manifesto proposto da Percorsi Formativi 06, che il freddo non fa ammalare, bensì i virus che circolano in autunno e in inverno, più presenti proprio in luoghi chiusi, poco arieggiati e affollati, piuttosto che all’aperto.

Più staremo fuori, meno ci ammaleremo, a patto di imparare a vestirsi in modo commisurato alla reale temperatura esterna, come insegnano nelle scuola finlandesi, dove si esce ogni giorno fino ai – 20°!

Buon autunno!

 
 immagine tratta dal reportage del viaggio in Finlandia Zeroseiup in corso (Ottobre 2018) 

 

Di Francesca Lanocita, La Yurta nel Bosco

Newsletter

 

Vuoi ricevere i nostri aggiornamenti?

ISCRIVITI