Estate, la stagione degli assaggi selvatici



I bambini di città spesso non sanno che il cibo vegetale viene dalla natura, cioè che ogni frutto e ogni ortaggio, anche se oggi non esiste allo stato selvatico, ha sempre un antenato che cresceva spontaneamente, da qualche parte nel mondo.Alcuni “nonni” sono molto diversi dai loro “nipoti” moderni, altri no, come possiamo scoprire passeggiando in cerca di more, susine, fichi o lamponi. L’attività è adatta a bambini di ogni età, purché si rispettino alcune regole di base.

 

Cosa raccogliere e cosa NON raccogliere

Bisogna raccogliere solo ciò che si conosce bene, seguendo i consigli e le indicazioni di chi ha già esperienza. D’estate gli alimenti selvatici più facili da riconoscere sono more, lamponi, mirtilli, more, fichi, mandorle, susine, mele, pinoli, carrube, fichi d’india.
Con i bambini è meglio evitare di raccogliere i funghi ed è indispensabile spiegare e ribadire che molte belle bacche colorate sono velenose, anche se hanno un buon sapore. È il caso, per esempio, della belladonna.

Quanto raccogliere

Si raccoglie il minimo indispensabile, scegliendo solo i frutti al giusto grado di maturazione e lasciando sempre abbastanza frutti anche per gli animali selvatici. La raccolta non è una razzia. Per evitare sprechi è anche importante avere contenitori adatti, nei quali il raccolto non si schiacci e non si rovini: cestini e barattoli sono più indicati dei sacchetti.

Dove raccogliere

Raccogliamo in ambienti puliti (lontano dai campi trattati con antiparassitari e dalle strade trafficate) e sicuri. Le more di rovo, per esempio, crescono spesso sui bordi dei sentieri e possono nascondere dirupi. Non infiliamo le mani sotto i cespugli o tra i sassi. In generale vale la regola di osservare bene prima di raccogliere, in modo da evitare spine, punture d’insetto e contatto con sostanze irritanti, come il lattice dei fichi.   

Tornati a casa

La frutta raccolta può arricchire una macedonia o un gelato, una torta o uno yogurt. Può anche ispirare un racconto, un diario o una raccolta di disegni o fotografie.

 

di Federica Buglioni, Bambini in Cucina


"La cucina non è solo un gioco o un passatempo: è una cosa seria, un'attività di grande valore educativo e affettivo, alla portata di ogni famiglia, che fa bene sia ai bambini sia a noi genitori"

Tutti i lunedì potrete leggere nuovi consigli e nuove  ricette. Non solo, Federica risponderà alle vostre domande, quindi mi raccomando, carta, penna e... pentole.

Newsletter

 

Vuoi ricevere i nostri aggiornamenti?

ISCRIVITI